top of page
  • Immagine del redattoreGiacomo Barsottelli

L’impatto degli emoji sull’attrattività di un annuncio di lavoro

In questo studio, l'obiettivo principale è stato quello di valutare l'effetto dell'introduzione delle emoji negli annunci di lavoro e di capire come questi pittogrammi ampiamente utilizzati siano percepiti dai lettori di tali messaggi. Il lavoro inizia fornendo una panoramica dell'impatto che la digitalizzazione ha avuto sul mondo del marketing e presentando alcuni degli strumenti di comunicazione di maggior successo. La digitalizzazione ha portato cambiamenti significativi nel modo in cui le aziende e le organizzazioni comunicano con i loro clienti, facendo emergere nuovi canali e strumenti di comunicazione, come i social media, le e-mail e la messaggistica istantanea. Questi strumenti hanno reso più facile per le aziende raggiungere il proprio pubblico di riferimento e comunicare con esso in modo più efficace.


Dopo aver illustrato come la comunicazione digitale vari a seconda che si operi in un contesto B2B o B2C, il documento si è concentrato sull'argomento principale: gli emoji. Gli emoji sono pittogrammi utilizzati per trasmettere emozioni, idee e concetti nella comunicazione digitale. Sono diventati sempre più popolari nel corso degli anni e sono ora utilizzati in vari contesti, come i social media, le app di messaggistica e le e-mail. Gli emoji possono migliorare la comunicazione aggiungendo elementi emotivi e visivi ai messaggi, rendendoli più coinvolgenti e attraenti.


Si è deciso dunque di analizzare e testare questo particolare strumento di comunicazione, che ha acquisito un'enorme popolarità in vari campi, tanto che numerosi articoli accademici trattano gli emoji come oggetto di studio.

Poiché nessuna ricerca precedente si era concentrata sulla valutazione dell'effetto della presenza degli emoji negli annunci di lavoro, dopo aver condotto un'accurata revisione della letteratura sull'argomento, è stata condotta una ricerca empirica. L'obiettivo era quello di strutturare un questionario e definire le ipotesi da testare. Grazie alle analisi condotte sui dati raccolti, è stato possibile rispondere alle supposizioni formulate, esaminare i risultati e sviluppare le conseguenti osservazioni.




La ricerca condotta su un campione di giovani laureati di diverse discipline ha prodotto risultati sorprendenti. Contrariamente alle aspettative, la maggior parte degli intervistati ha preferito un annuncio di lavoro tradizionale senza la presenza di emoji. I risultati della ricerca suggeriscono che l'uso di emoji negli annunci di lavoro delle società di consulenza ha effetti sia positivi che negativi sulla percezione di chi cerca lavoro. Mentre alcuni intervistati ritengono che gli emoji rendano gli annunci di lavoro più attraenti e coinvolgenti, altri pensano che l'uso degli emoji possa compromettere la serietà dell'offerta di lavoro. È stato inoltre osservato che la percezione degli emoji varia a seconda delle caratteristiche demografiche degli intervistati.








In effetti, la presenza di emoji in un annuncio di lavoro non porta necessariamente a una maggiore volontà di candidarsi, come inizialmente ipotizzato. Tuttavia, alcune delle altre ipotesi sono state supportate, indicando che alcuni gruppi di persone hanno maggiori probabilità di rispondere positivamente agli emoji negli annunci di lavoro. La prima ipotesi affermava che l'intenzione di candidarsi a una posizione lavorativa è influenzata positivamente dalla presenza di emoji nell'annuncio di lavoro. Tuttavia, i dati non hanno supportato questa ipotesi e, in effetti, la volontà di candidarsi era più alta quando l'annuncio di lavoro non conteneva emoji. Le possibili ragioni di questo risultato inatteso includono le dimensioni ridotte del campione, la composizione della popolazione studentesca e il tipo di posizione lavorativa offerta (posizione in una società di consulenza), oltre al numero di emoji utilizzate nell'annuncio, che potrebbero essere state troppo poche o troppo numerose. L'interpretazione di questo risultato è che gli studenti non hanno percepito come seria e professionale una società di consulenza che utilizzava emoji nel suo annuncio di lavoro.












Inoltre, lo studio dimostra che l'uso di emoji negli annunci di lavoro potrebbe essere inefficace o controproducente, soprattutto se rivolto a laureati di sesso maschile. Tuttavia, le laureate sono più ricettive agli emoji negli annunci di lavoro. Lo studio mostra anche che gli studenti di scienze sono più convinti dagli annunci di lavoro con emoji rispetto a quelli senza, contrariamente alla credenza popolare che gli studenti di scienze siano più analitici e meno inclini a farsi influenzare dalle distrazioni.

Inoltre, l'uso di emoji è più attraente per i laureati con voti più bassi rispetto a quelli con voti più alti.

La ricerca suggerisce quindi che i manager devono prestare attenzione all'uso degli emoji negli annunci di lavoro e adattare il loro approccio in base al pubblico di riferimento.


In conclusione, l'uso di emoji negli annunci di lavoro può essere efficace o controproducente, a seconda del pubblico di riferimento. Sebbene gli emoji possano rendere più attraente un annuncio di lavoro, i manager devono fare attenzione a non farne un uso eccessivo o inappropriato. Gli annunci di lavoro devono essere adattati al pubblico di riferimento e devono considerare fattori come il sesso, la disciplina accademica e il livello di esperienza. Utilizzando gli emoji in modo appropriato, i manager possono rendere i loro annunci di lavoro più attraenti ed efficaci.

8 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page