top of page
  • Immagine del redattoreSara Salice

Credibilità e segno di spunta blu sui social network: valutare l'efficacia della verifica a pagament

Il sistema di verifica della spunta blu

Lanciato da Twitter nel 2009 per proteggere le celebrità dal furto d'identità, il sistema di verifica della spunta blu si è evoluto da simbolo di autenticità e fiducia a status symbol d'élite. Questo sistema ha prevalso fino alla fine del 2022, quando Twitter è stato acquistato da Elon Musk, che ha introdotto Twitter Blue, ovvero un servizio di abbonamento in cui chiunque poteva pagare $ 8 al mese e ricevere la spunta blu accanto al proprio nome. Ciò ha creato molte polemiche: il presente studio si concentra sulle opinioni della gente comune e sul caso di Twitter, una delle piattaforme di social media più popolari, che svolge un ruolo importante nelle notizie e nelle informazioni politiche in tutto il mondo. Nonostante la sua popolarità, alcuni utenti sono contrari alla nuova strategia di pagamento per la loro spunta blu, dunque la piattaforma rischia di perdere supporto.


Il nostro studio

È stata condotta una ricerca di marketing qualitativa e quantitativa sulle impressioni che le persone hanno della spunta blu. Twitter e il suo contesto competitivo sono stati indagati dal punto di vista dei responsabili marketing, con un focus particolare su una specifica domanda di ricerca: “Qual è la relazione sui social network tra credibilità e segno di spunta blu? Renderlo a pagamento lo renderà meno efficace?”. In seguito, i dati sono stati analizzati al fine di fornire informazioni e strategie di marketing pertinenti per Twitter in futuro.

Il target dello studio è costituito da uomini e donne europei, di età compresa tra i 18 ei 65 anni. Partendo dalla fase qualitativa, le interviste sono state composte da domande suddivise in 4 categorie: informazioni personali, effetti positivi o negativi dei social media, impressioni sulla spunta blu e il punto di vista di Twitter. Sono state condotte tre interviste della durata di 40 minuti ciascuna e un focus group della durata di 50 minuti.

Successivamente, sono state approfondite specifiche aree di ricerca, al fine di colmare le lacune nelle informazioni e acquisire una comprensione ulteriore di questi argomenti. In particolare, su Qualtrics è stato realizzato un sondaggio di 27 domande, ottenendo le risposte di 137 intervistati. Successivamente, i dati sono stati esportati in SPSS e sono stati puliti, ottenendo le risposte valide di 123 partecipanti.


Partecipanti

Innanzitutto sono state analizzate le caratteristiche dei partecipanti. Le femmine (52,03%) erano più numerose dei maschi (47,97%). La maggior parte delle persone rientrava nella categoria di età compresa tra i 18 e i 25 anni (58,5%), seguita da quella tra i 26 e i 35 anni (19,5%). Di conseguenza, il target copriva fasce di età molto diverse, ma era principalmente concentrato nella fascia che comprende adolescenti e giovani adulti.

In seguito, è stato analizzato il livello di istruzione dei partecipanti, la maggior parte dei quali si trova nel livello di laurea triennale (54 partecipanti, 43,9%).







Il rapporto tra partecipanti e social media

Oltre l'84% dei partecipanti trascorre tra 1 e 4 ore al giorno sui social media, senza alcuna correlazione significativa con il loro genere. Instagram, WhatsApp e TikTok sono le prime tre piattaforme social utilizzate dagli intervistati. Osservando le differenze tra uomini e donne riguardo alle app che essi affermano di utilizzare di più, sono state notate tre caratteristiche significative:

• Il 26,6% delle donne usa di più TikTok, rispetto al 20,3% degli uomini.

• Tra le persone che hanno selezionato YouTube, gli uomini erano di numero maggiore (15,3%) rispetto alle donne (9,4%).

• Gli uomini sono stati gli unici a menzionare LinkedIn come il social media che usano di più.






Per quanto riguarda la comunicazione con amici e familiari, WhatsApp (oltre il 53%), Instagram e Facebook hanno ottenuto il punteggio più alto. In termini di intrattenimento, Instagram è stato il più citato (30,8%), seguito da TikTok e YouTube al secondo e terzo posto. Parlando dei risultati per notizie e informazioni politiche, i punteggi più alti sono stati Instagram, Twitter e Facebook. Meno popolare, ma con il 14,9% delle risposte, è stato YouTube. Quando si è trattato di promuovere un'attività, il 33,1% dei partecipanti ha menzionato Instagram; sorprendentemente, LinkedIn ha ricevuto solo il 18,2% delle risposte. Instagram e TikTok hanno dominato quando si trattava di trovare l'ispirazione per i partecipanti (31,3% e 25,8%). Inoltre, è stato analizzato il ruolo dei social media negli studi e nel lavoro attuali dei partecipanti. La maggior parte delle persone ha associato l'importanza dei social media ad un valore di 4, che nel sondaggio è stato indicato come "moderatamente importante". Anche negli altri casi, è risultato evidente che per la maggior parte dei partecipanti i social media sono una parte molto importante della loro vita professionale.




Impressioni riguardo alla spunta blu e a Twitter Blue

Concentrandoci sulle opinioni riguardo alla spunta blu, la maggioranza degli intervistati (78,86%) conosceva questo simbolo, mentre l'11,23% non ne aveva mai sentito parlare.

L'impressione più comune è che tale simbolo rappresenti credibilità e riduca i timori di impersonificazione per gli utenti. Il 72,3% dei partecipanti ha convenuto che la spunta blu non dovrebbe essere rilasciata alle persone solo perché esse la richiedono. Oltre il 90% degli intervistati, inoltre, concorda sul fatto che se tutti avessero la spunta blu, l'importanza che le attribuirebbero diminuirebbe.

Solo il 13% delle persone ha dichiarato che la spunta blu non è un indicatore di serietà, contrariamente al 52,7% che crede l’opposto. Ciò determina in parte la scelta di seguire un account caratterizzato da tale simbolo: quando è stato chiesto di valutare questa influenza su una scala da 1 a 9, il valore medio era 6.







Passando a Twitter Blue, abbiamo chiesto ai nostri intervistati le loro prime impressioni utilizzando una scala differenziale semantica. Le opinioni sono state principalmente negative: la maggior parte delle persone non comprerebbe Twitter Blue e solo l'8,9% dei partecipanti ha dichiarato che prenderebbe in considerazione l'acquisto. Alla domanda su quanto sarebbero disposte a pagare per una spunta blu, la maggior parte delle persone ha scelto tra € 0 e € 2. Tuttavia, coloro che credono che i social media svolgano un ruolo importante nella loro vita professionale sono disposti a pagare di più per averla.









Rapporto con il Blue Tick e strategie di marketing.

Il 76,4% dei nostri partecipanti sarebbe più disposto ad acquistare un prodotto da un account con la spunta blu. I prodotti pubblicizzati da account non verificati hanno molte meno probabilità di essere acquistati rispetto alle loro controparti.

Sulla base della nostra analisi desk, ricerca qualitativa e quantitativa, abbiamo deciso di presentare le implicazioni che queste informazioni possono avere per Twitter, proponendo due possibili strategie: una in cui Twitter Blue viene mantenuto e un'altra in cui Twitter Blue viene terminato.


Strategia 1

In primo luogo, suggeriamo di mantenere in attività Twitter Blue, ma con alcune modifiche al pubblico e al prezzo. La maggior parte degli intervistati non è disposto a spendere più di 2€ per la spunta blu. Proponiamo di stabilire il prezzo a € 1,50/mese per utenti non aziendali o organizzazioni. Ciò comporterebbe un numero maggiore di abbonamenti ad un prezzo inferiore.

Un altro aspetto di questa strategia riguarda le imprese e le organizzazioni. Poiché potrebbe esserci una correlazione tra l'importanza che i social media hanno per una persona e l'importo che essa sarebbe disposta a spendere per la spunta blu, suggeriamo a Twitter Blue di adottare un approccio marketing diverso per gli utenti con account professionali. Per esempio, dovrebbero commercializzare una sezione differente di Twitter Blue, chiamata Twitter Blue Pro. (6€/mese, ma più vantaggi).








Strategia 2

I partecipanti hanno dichiarato di non essere disposti a pagare l'importo attualmente addebitato da Twitter per la spunta blu e che l'importanza che essi attribuiscono al simbolo cambierà se tutti lo avranno. Suggeriamo di disattivare Twitter Blue e tornare al sistema di verifica basato sull'identità, con però alcune modifiche.

Le spunte blu dovrebbero essere distribuite agli utenti che possono confermare la propria identità, che hanno un grande seguito e che non promuovono la violenza o l'odio. Di conseguenza, la fiducia in tale simbolo verrebbe ripristinata e gli utenti non dovrebbero preoccuparsi dei problemi di impersonificazione.

Per continuare a guadagnare delle entrate non basate sulla pubblicità, Twitter può offrire funzionalità extra e nessuna pubblicità a pagamento (tra € 1 e € 3). Ciò consentirebbe agli utenti di sfruttare i vantaggi di queste funzioni aggiornate fornendo al contempo un reddito stabile basato su abbonamento per Twitter.

Un altro aspetto di questa strategia sarebbe quello di proporre Twitter come fonte sicura e affidabile di notizie e informazioni politiche. Suggeriamo che la piattaforma chieda agli utenti su quali notizie essi vogliono essere informati, aumentando le notifiche quando vengono pubblicati tali tweet, per accrescere la presenza di users sull'app. Le notifiche potrebbero anche rilevare la posizione in modo che gli utenti ricevano informazioni aggiornate che li riguardino nel paese, città o paese in cui vivono.







Conclusione

La nostra ricerca si basa sull'analisi di come le persone considerano la spunta blu e l'influenza che essa ha sui social media. Il risultato è stato eterogeneo; tuttavia l'opinione generale emersa è stata che tale simbolo sia associato a un'idea di autenticità, status elitario e serietà (anche per quanto riguarda l'aspetto marketing). Può garantire numerosi vantaggi e può far emergere chi vuole accrescere la propria popolarità.

Tuttavia, vi è una considerazione negativa per quanto riguarda la scelta dei social media di vendere la spunta blu. Secondo la maggior parte delle persone, essa non va comprata ma meritata, sulla base di ragioni concrete ed effettive per le quali vale la pena che un account sia più visibile degli altri. Inoltre, un possibile rischio relativo a questa situazione è che tale segno perda completamente il suo valore e di conseguenza il ruolo per il quale è stato progettato. Molte polemiche nascono anche dal fatto che le persone non acquisterebbero la spunta più e che il suo costo attuale è troppo alto.

11 visualizzazioni0 commenti
bottom of page